Allargare i confini per per accorciare le distanze

Domenica 20 ottobre, si commemora la 93° Giornata Missionaria Mondiale. Come di consueto, noi di Etiopia e Oltre diamo il via ai progetti annuali, che ormai da molti anni portiamo a compimento grazie ai nostri generosi benefattori. Il nostro intento è sempre lo stesso: favorire salute, istruzione e sviluppo così da rendere autonome le persone e le comunità ed evitare spostamenti per cercare fortuna altrove. Lo scorso anno i progetti hanno avuto i seguenti obiettivi: in Etiopia l’ampliamento della scuola di Sollamo, dedicata a Emma Nufi e a don Lino Zambonelli; in Niger l’ampliamento del dormitorio; a Crema il sostegno alle famiglie in difficoltà seguite dal Centro d’Ascolto e alla Comunità Alloggio di via Pesadori. Per le iniziative 2019/2020, abbiamo scelto un titolo assai significativo, proposto da una nostra socia: “Allargare i confi ni per accorciare le distanze”. Allargare i confini significa uscire dalla difensiva, abbattere le barriere dell’indifferenza e avvicinarsi al prossimo, alle persone più disagiate e sfortunate. Più larghi sono i confini, meno separazioni ci sono e più si comprendono le situazioni altrui, condividendole fino all’estremo. Basti pensare a padre Gigi Maccalli, missionario SMA in Niger e amico di Etiopia e Oltre, ancora nelle mani dei suoi rapitori dal 17 settembre 2018. Di lui non si hanno più notizie, noi però continuiamo a nutrire e alimentare speranze per la sua liberazione. Anche in suo nome e come ci ha sempre indicato lui continuiamo ad avviare progetti che realizzino il potenziale individuale delle persone e il potenziale collettivo delle comunità. L’obiettivo è favorire la pacifica convivenza, la salute e un sostentamento adeguato e dignitoso.

Ecco i progetti di quest’anno

ETIOPIA

Per la clinica di Haro Wato è necessario l’acquisto di una NUOVA AMBULANZA, mezzo indispensabile per poter trasportare i malati alla città di Dilla, a 30 km di distanza, percorrendo impervi sentieri di montagna.

MOZAMBICO

A Mueria nella Missione delle Piccole Sorelle di Maria, Pequenas Irmas de Maria serve urgentemente la costruzione di un POZZO. L’acqua è una necessità primaria, non solo per la tutela della salute ma per la sopravvivenza

UNITÀ PASTORALE SAN BARTOLOMEO SAN GIACOMO

Collaboriamo al progetto “Corridoi Umanitari” per L’ACCOGLIENZA E IL SOSTEGNO DI UNA FAMIGLIA, proveniente dai campi profughi attraverso canali regolari. La famiglia verrà accolta nella Comunità e sostenuta nel percorso di integrazione.

Lascia un commento